Le recensioni per i siti interessanti!

concerti-torre-annunziata-vessicchio-concato

Poesia in musica a Torre Annunziata: Peppe Vessicchio e Fabio Concato

Ieri sera a Torre Annunziata si è tenuta una serata all’insegna della grande musica italiana. Ad esibirsi sul palco del Nettuno Lounge Beach il Maestro Peppe Vessicchio e i solisti del sesto armonico con la partecipazione straordinaria di Fabio Concato.

L’inizio dello concerto a Torre Annunziata, previsto per le 21.30, è cominciato con un po’ di ritardo ma il Maestro Vessicchio con la sua bravura e soprattutto con la sua simpatia ha saputo farsi perdonare dal numeroso pubblico accorso ad ascoltarlo. Una platea trasversale quella di ieri sera, dagli adulti ai più giovani, a dimostrazione del fatto che la buona musica non ha età.

Sul palco insieme al Maestro anche Fabio Concato che ha ammaliato il pubblico con la sua calda  voce, ripercorrendo i brani che hanno segnato la sua carriera da cantautore. A cominciare dalla divertente “A Dean Martin” per passare poi a “Rosalina”, “Domenica bestiale”, “Fiore di maggio” fino a  “Ti ricordo ancora”. Canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana, cantate tutte insieme al pubblico che ha partecipato calorosamente alla serata. Fabio Concato ha dato ancora una volta prova delle sue doti di grande artista cantando e dando vita a simpatici siparietti col Maestro Vessicchio.

La serata musicale, svoltasi sulla nota spiaggia Torre Annunziata del Nettuno Lounge Beach, è continuata poi con l’esibizione di giovani artisti tutti scelti personalmente dal direttore d’orchestra, come ha svelato lui stesso, tra i migliaia che cercano di farsi strada nel mondo della musica inviandogli i propri cd.

Un viaggio nella musica dagli anni 70 agli anni 90 con i brani “Don’t let me be misunderstood”, “When a man loves a woman”, “Shape of my heart”.

Una menzione particolare va all’incantevole esibizione del soprano Giacinta Nicotra che ha cantato un brano in latino del 600 con una straordinaria vocalità e sensibilità. Applausi calorosi per la mascotte del gruppo, nonché nipote del Maestro Vessicchio, Teresa Italiano, che con estrema delicatezza ha cantato “Beatiful that way”, colonna sonora de “La Vita è Bella”, interpretata anche con la lingua dei segni (LIS).

Non è mancato poi l’omaggio doveroso a Pino Daniele, la cui musica ha detto Vessicchio è stata rivoluzionaria perché ha saputo fondere i suoni provenienti da oltreoceano con quelli delle sue origini napoletane.

Lo spettacolo si è snodato in un turbine di emozioni, il pubblico è stato rapito dall’atmosfera magica e surreale creata dalle note del Sesto Armonico, diretto magistralmente dal Maestro, e dal suggestivo scenario che ha fatto da cornice a questa se

torre annunziata

staff • agosto 29, 2016


Previous Post

Next Post