WEBAX | WEB ARTICLE X

Le recensioni per i siti interessanti!

Otranto e Ugento leader del turismo salentino

Che il Salento fosse ormai diventata meta privilegiata di visitatori provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero è cosa nota. Tra siti di interesse artistico, eventi mondani, costa cristallina e cibo buono, i motivi di attrazione non mancano di certo, ad implementare un’offerta capace di acquisire target differenti e variegati. Ovviamente, a fare la parte del leone sono i  lidi marini, capace di garantire divertimento, relax, abbronzatura e panorami indimenticabili.

A guidare la classifica delle presenze, stando ai dati presentati dalla Provincia di Lecce, vi è la meravigliosa marina di Ugento, gioiello del versante adriatico del litorale salentino. Per numero di presenze attestate in relazione all’anno 2012, Ugento ha registrato un totale di quasi 900.000 presenze, contro le 763.000 di Otranto e le 474.000 di Lecce, rispettivamente medaglia d’argento e di bronzo del turismo salentino, seguono Gallipoli con circa 450.000 visitatori, Melendugno con 353.000 e Porto Cesareo, al sesto posto con 313.000.

Per ciò che riguarda invece i pernottamenti, la situazione è un po’ diversa: Lecce guida questa speciale classifica con oltre 200.000 arrivi, seguita da Otranto, anche qui in seconda posizione, con poco meno 130.000; Ugento scivola in terza posizione con 123.000 pernotti seguita da Gallipoli (87.000), Porto Cesareo (73.000), Nardò (48.300) e Melendugno (47.500).

È importante evidenziare come anche le modalità di accoglimento nella provincia di Lecce si siano diversificate per andare incontro a una domanda sempre più volubile e segmentata. Il turista non è più, ammesso che lo sia mai stato, un visitatore intorpidito da paesaggi e situazioni stereotipate e riprodotte in serie, ma richiede un contatto più autentico con la terra che lo ospita, chiede di conoscerne la storia e le usanze, la gastronomia e il dialetto, in maniera meno filtrata e più spontanea possibile. Ogni agriturismo a Otranto, Gallipoli o Santa Maria di Leuca risponde specificatamente a queste esigenze, permettendo di vivere una vacanza che non si consuma in pochi giorni ma che sia capace di solcare i ricordi e le conoscenze di chi la vive.

staff • Aprile 24, 2014


Previous Post

Next Post